Ultime recensioni

venerdì 9 dicembre 2016

Blog Tour: Il solo modo per coprirsi di foglie - Approfondimento Arte e Musica



Buongiorno lettrici compulsive e cari lettori,
come avete passato la giornata di ieri? Noi siamo in fermento perchè tra poco il nostro blog cambierà veste e non vediamo l'ora!!!
Oggi abbiamo l'onore di parlarvi dell'ultimo libro di Laura Mercuri Leoni, ci occuperemo della quinta tappa del blog tour dedicato al suo meraviglioso romanzo, "Il Solo Modo di Coprirsi di Foglie".
Parleremo di arte  e musica, filo conduttore della vita dei nostri protagonisti, Daniel, studente Erasmus di arte moderna ed Anita, studente di medicina con la passione per il canto e la musica.


“Il colore è un tasto, l'occhio il martelletto che lo colpisce, l'anima lo strumento dalle mille corde”.   Kandinskij 
L'arte e la musica sono, apparentemente, due forme artistiche molto distanti tra di loro poiché l'arte, in veste di pittura o scultura, è caratterizzatala da colori, linee e forme, mentre la musica è basata sui suoni. Vi è  tuttavia uno stretto legame e diverse analogie tra queste arti; diverse per i mezzi utilizzati  ma allo steso tempo profondamente simili per finalità. 

In piena età illuminista, musica, pittura, scultura e danza, vennero raggruppate sotto il nome di “belle arti”, poiché creando bellezza erano capaci di suscitare piacere estetico - fosse esso basato su valori visivi o su quelli acustici - ai loro fruitori.
Per Daniel, Anita e Claudia, le belle arti sono un punto fondamentale della loro vita, in modi e forme diverse, ma pur sempre centrali.
La musica per Anita è un vettore, poiché cantare è il solo modo che ha per esprimere se stessa, è una via di fuga da una realtà che la tiene prigioniera. Cantare rende liberi e lei cantando si libera di tutte le emozioni che tiene dentro.
La musica, componente fondamentale ed universale dell’esperienza umana, è un mezzo di espressione e di comunicazione, ma non solo, è un'unione corpo-mente-spirito.

Quando Anita sale sul palco si spoglia dell'odio che prova per la madre, del rancore per Andrea, si libera delle insicurezze e della sua fragilità, cancella la sofferenza che ha segnato la sua vita. 
Quando le luci si abbassano e partono le prime note, inizia un viaggio "interiore", si sente se stessa, chiude gli occhi ed è come se gridasse: “Eccomi, eccomi! Sono libera!”. 

Anita si racchiude nella sfera delle emozioni che le dà da sempre la musica: si sente parte di essa. Per Anita la musica è linfa vitale. Cantare la rende libera e allo stesso tempo chiusa in un mondo solo suo, inaccessibile, fino a quando i suoi occhi incontrano quelli di Daniel, e allora tra loro si crea un legame, anche se profondamente diversi, tra di loro vi è una corrente che li spinge l'una verso l'altro.

Daniel, studente per un semestre in Italia, segue la sua passione per l'arte. Per lui l'arte è casa, l'ha sempre affascinato, ed è per questo che si trova a Roma, patria indiscussa dell'arte. 
Inizialmente doveva dare un esame d'arte medievale ma l'incontro con la professoressa Riganti l'ha portato a rivalutare l'arte moderna, la passione è l'amore che traspare dagli insegnamenti di Claudia, spinge Daniel nella sua direzione.
Artefice di questa svolta è inoltre Alberto Giacometti e più precisamente un'opera di rara quanto inquietante bellezza, la scultura "Donna in piedi".
In quest'opera Giacometti circoscrive l'apparenza della donna così come la coglie con gli occhi della mente: "la figura è solenne, con le braccia serrate lungo il corpo, alta e magra come se fosse uno stelo, con qui piedi enormi ancorati al suolo".
«Amazing» dice lui. “Stupefacente” è proprio l'aggettivo giusto. «Già. Tu la trovi bella?» gli chiede, con intenzione. «No» risponde Daniel, subito.  «È troppo inquietante per essere bella. Però ti toglie il fiato». 

Daniel e Claudia sono due estranei ma già dal primo sguardo hanno capito di essere due anime affini, la pensano allo stesso modo anche con "Donna in piedi". La vedono potente e impressionante ma non bella.






È bloccata, quasi sull'attenti, le braccia strette al corpo in una posa innaturale, come se l'avessero obbligata. E se una donna è costretta in qualche modo, non può essere bellissima.
Anche lei è costretta e non si sente affatto bella. Tutta la sua vita la costringe, anche se quando se l'è costruita addosso credeva davvero di stare scegliendo, forse perché mentre te la costruisci la gabbia non ti sembra affatto una gabbia, ma un nido da cui puoi volare, quando vuoi, per poi ritornare a farti proteggere.










L'arte è espressione, così' come la musica.
L'arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana che porta a forme di creatività e di espressione estetica. L'arte è l'espressione estetica dell'interiorità umana. 

"Il solo modo per coprirsi di foglie" è riuscito nell'intento che dovrebbero avere tutti i libri, ossia stimolare la curiosità del sapere, del conoscere cose nuove. Con noi c'è riuscito perfettamente per quanto riguarda la scultura e in particolare il Giacometti, artista tutto da scoprire...

Questo strepitoso blog tour è nato grazie alla collaborazione di tanti blog amici, in primis con il blog di Sara di "Diario di un sogno", dove troverete la prima tappa del tour, una particolare intervista ai protagonisti del libro. La seconda tappa è stata curata dal blog "Sognando tra le righe", "Sogni di Marzapane" vi illustrerà le ambientazioni. "Leggere in silenzio" vi presenta i personaggi, "Il cibo della mente" affronterà le differenze generazionali, "Libri che porto con me" vi svelerà un punto fondamentale della vita dei protagonisti, e per ultimo, ma non di minor importanza, "Reading at Tiffany's" con la recensione in anteprima.  








Il solo modo per coprirsi di foglie

Autore: Laura M. Leoni
Editore: BookMe
Genere: Narrativa
Pagine: 256
Prezzo:  14,90    Ebook: 7,99

Tra le pagine di questo libro incontrerete Daniel, un riservato ragazzo italo-inglese in Italia per l’Erasmus, che cerca l’occasione di camminare da solo e si ritrova travolto da una passione fortissima; Claudia, la sua insegnante d’arte, una donna insoddisfatta e succube di una certa idea di moglie e di madre; e Anita, studentessa con il talento della musica, una voce prodigiosa e un triste segreto celato dietro il sottile paravento di due labbra imbronciate. È il desiderio la forza che manda all’aria questi destini, costringendo i protagonisti a uscire allo scoperto una volta per tutte. Per capire che non esiste difesa dal mondo, dalla luce e dal dolore che a ogni respiro ci trafiggono con la stessa vertiginosa ferocia. Con uno stile semplice e profondo, l’autrice scava nei pensieri, nelle azioni, negli umori e nei traumi nascosti dei suoi piccoli eroi quotidiani, dando voce alla loro voglia di combattere, di non arrendersi, di essere semplicemente se stessi. Perché, parafrasando la magnifica poesia che dà il titolo a questa storia, vivere è il solo modo per coprirsi di foglie.





a Rafflecopter giveaway



16 commenti:

  1. E anche questa tappa si è rivelata interessante e illuminante ♡.♡

    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook e Google +: Rosy Palazzo
    Ho piacizzato le pagine richieste ;-)

    Condivisione:
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=785622954922771&id=100004252210765

    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  2. Bellissima tappa mi state facendo amare questo libro ancora di più!
    grecoangela1987@libero.it

    RispondiElimina
  3. questo libro tappa dopo tappa mi intriga sempre più
    luigi8421@yahoo.it
    luigi dinardo

    RispondiElimina
  4. Arte e musica *-* Le basi dell'esistenza :') Anche questa tappa molto interessante che ci invoglia ancor di più a leggere il libro ^-^
    alegulino2002@gmail.com

    RispondiElimina
  5. Partecipo!
    Wow arte e musica due grandi amori <3

    RispondiElimina
  6. Wow, un libro immerso nell'arte! Meravigliosa questa cosa. L'arte, la valvola di sfogo, per alcuni in alcuni modi per altri in altri modi, di noi tutti, secondo me. 😍
    Che mondo sarebbe senza arte?! Un mondo triste e grigio!
    Indirizzo e-mail: hotstorm403@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Link di condivisione di questa tappa su Facebook:
      https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=382331442108862&id=100009960271401&ref=

      Elimina
  7. Anche questa tappa si è rivelata estremamente interessante! Dove c'è arte e musica c'è anche vita!
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  8. Guenda la tua tappa mi piace molto. ♡
    Hai aumentato la mia curiosità, questo libro merita di essere letto, spero di riuscirci presto.
    Partecipo al Giveaway :)
    Ti elenco le regole che ho rispettato nel form :)
    Seguo tutti i blog partecipanti con il nome: Elysa Pellino
    Seguo la pagina Facebook dell'autrice + quella della casa editrice sempre con lo stesso nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Ho condiviso questa tappa su Facebook taggando la pagina del blog, Twitter, e Google+ ( Uso solo questi social )
    LINK CONDIVISIONE FACEBOOK: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10208741605231262?pnref=story
    LINK CONDIVISIONE TWITTER: https://twitter.com/ElysaPellino/status/807957662554083328
    LINK CONDIVISIONE GOOGLE+: https://plus.google.com/u/0/104143485217744156564/posts/jfUqbQyiYr8?sfc=true
    -Ho completato il form :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...